Attenzione alle truffe sui prestiti e i bonus Inps

Attenzione alle truffe sui prestiti e i bonus Inps

Aumentano le truffe ai danni dei contribuenti Inps. Oltre al phishing via email ora si aggiungono società di intermediazione finanziaria, non correlate e non riconducibili all’Inps, che fanno riferimento all’Istituto nel proprio nome o lo utilizzano nei loro messaggi pubblicitari, in modi equivoci e ingannevoli, proponendo prestiti inesistenti. Gli unici servizi offerti da Inps sono quelli disponibili sul sito istituzionale ed elencati nella sezione “Prestazioni e Servizi” a questi dedicata. La truffa dei prestiti “convenzionati” Inps I truffatori agiscono inviando SMS offrendo prestiti “convenzionati” con l’Inps, ma si tratta di un’esca per attirare nella rete persone potenzialmente interessate alle loro offerte. Se la potenziale vittima si dimostra interessata, il truffatore fissa un appuntamento per una consulenza a domicilio, dove si presenta come intermediario convenzionato con l’Istituto allo scopo di vendere… Leggi di più

Boom di truffe bancarie online: attenzione a messaggi e telefonate

Boom di truffe bancarie online: attenzione a messaggi e telefonate

Durante l’ultimo anno le truffe online sono aumentate in modo preoccupante: dagli acquisti di merce inesistente, passando per il falso trading online, fino alle truffe che svuotano il conto corrente. Le tecniche utilizzate dai truffatori sono le stesse, ma è probabilmente aumentato il bacino d’utenza che, complice la pandemia, ha costretto molte più persone a fare shopping e operazioni bancarie online. L’ultimo allarme è stato lanciato dall’Adiconsum di Pordenone a cui sono arrivate numerose segnalazioni di cittadini truffati tramite messaggi di phishing di cui si sono fidati, offrendo ai truffatori tutte le chiavi per poter accedere e fare operazioni sul loro conto corrente online. Le vittime, contrariamente a quello che si potrebbe immaginare, non sono soltanto i meno abituati alle… Leggi di più

Come proteggere il tuo SPID dal phishing

Come proteggere il tuo SPID dal phishing

Lo SPID è entrato a far parte della vita quotidiana di un numero sempre più alto di italiani. In particolare nelle ultime settimane la registrazione e l’utilizzo del Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID) ha subito un sensibile incremento, grazie anche all’introduzione del Cashback di Stato che però, è solo uno dei numerosi servizi per cui è necessaria l’autenticazione mediante questo sistema. La sua crescente popolarità ha subito attratto l’attenzione dei truffatori informatici, con conseguente comparsa di campagne di phishing e malware indirizzate proprio agli utenti in possesso di SPID. La campagna phishing diretta agli utenti SPID di Poste Italiane CERT-AGID ha diramato un comunicato circa su una nuova campagna di phishing ai danni degli utenti di Poste Italiane che utilizza proprio lo… Leggi di più

Nuovo phishing ai danni dei possessori di PostePay

Nuovo phishing ai danni dei possessori di PostePay

La carta PostePay è stata spesso vittima di truffe: da sottrazioni denaro illecite a phishing su larga scala. In genere tutte le ultime segnalazioni avevano il minimo comune denominatore del falso allarme che sembrava arrivare da Poste Italiane in cui si comunicava all’utente che la sua carta era stata clonata, oppure aveva subito un furto di credenziali e lo si invitava a entrare al più presto sul sito per effettuare il login e recuperare il denaro o cambiare le credenziali. Questa volta la scusa con cui stanno tentando di far abboccare le loro vittime è un fantomatico nuovo portale Postepay in uscita a gennaio 2021 a cui è necessario registrarsi per poter continuare ad avere accesso al suo rilascio. I… Leggi di più

Perché il furto di Sim è in aumento e cosa si rischia

Perché il furto di Sim è in aumento e cosa si rischia

La truffa del furto di Sim ha iniziato a circolare anni fa e, grazie alla facilità con cui chiunque può richiedere la portabilità di un numero di telefono, sta tornando alla ribalta. A lanciare l’allarme, a seguito delle numerose denunce da parte di consumatori, è Agcom. Come funziona e cosa rischia chi subisce il furto di Sim Secondo un loro recente comunicato stampa, in Italia si sta verificando una vera e propria ondata di furti di Sim utilizzate per portare a termine operazioni bancarie fraudolente online che, oggi, possono essere effettuate solo grazie a codici da inserire tramite smartphone. Ovviamente il truffatore che entra in possesso della Sim della vittima, ha già raccolto tramite phishing gli altri dati e documenti… Leggi di più

Utilizziamo i cookie, inclusi cookie di terzi, per consentire il funzionamento del sito, per ragioni statistiche, per personalizzare la sua esperienza e offrirle la pubblicità che più incontra i suoi gusti ed infine analizzare la performance delle nostre campagne pubblicitarie.
Può accettare questi cookie cliccando su "Accetto", o cliccare qui per impostare le sue preferenze. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi