7 regole per proteggere il tuo home banking dai truffatori

7 regole per proteggere il tuo home banking dai truffatori

L’home banking è utilizzato da un numero sempre più alto di correntisti per controllare i movimenti, disporre operazioni e gestire i risparmi e gli investimenti. Le banche sono costantemente al lavoro per garantire ai propri clienti il livello massimo di sicurezza, ma ci sono cose da cui non possono proteggerci: i nostri comportamenti sbagliati. Le 7 regole per un home banking più sicuro 1 Tenere al sicuro le credenziali di accesso Tenere al sicuro il codice cliente, le password per accedere e il pin per operare . Sembra banale, ma non tutti adottano i necessari comportamenti per tenere al sicuro le credenziali di accesso e quelle di operatività che devono essere strettamente personali e non devono mai essere comunicati per… Leggi di più

Cosa devi sapere sulla truffa dei biglietti aerei

Cosa devi sapere sulla truffa dei biglietti aerei

È notizia recente la scoperta di una maxi truffa mondiale di di biglietti aerei acquistati grazie all’utilizzo carte di credito clonate. L’indagine ha coinvolto 200 aeroporti in 60 paesi (tra cui l’italia) e ha visto la collaborazione di 56 compagnie aeree, 12 agenzie di viaggio, le compagnie Mastercard, Visa, American Express, IATA e Perseuss. I controlli effettuati hanno portato finora alla segnalazione di 165 transazioni online e all’arresto di 79 persone, trovate in possesso di biglietti aerei acquistati con carte clonate. La denuncia di questa frode mondiale è arrivata dopo molti mesi di indagini internazionali gestite da Europol ed è un perfetto esempio di come la collaborazione tra le forze dell’ordine mondiali e i settori pubblico e privato, sia un’ottima arma nella lotta al cybercrime. Cosa… Leggi di più

I millenial sono i più truffati online

I millenial sono i più truffati online

Quando si pensa alle vittime delle truffe online, si immagina sempre che si tratti di persone non giovanissime che non hanno molta dimestichezza con internet, ma uno studio inglese realizzato dalla Lloyds Bank rivela che, invece, sono proprio le giovani generazioni quelle più facili a cadere in truffe come lo scamming e il phishing. La fascia d’età più colpita dal phishing e dalle frodi online è quella che va dai 18 ai 34 anni, ovvero quelli che utilizzano più spesso internet e i servizi di home banking. Anche a maggio di quest’anno, da un’indagine americana, era emerso che i giovani tra i 16 e i 24 anni fossero poco consapevoli dei rischi a cui ci si espone quando si fanno operazioni online:… Leggi di più

La nuova truffa delle Pec falsificate

La nuova truffa delle Pec falsificate

Individuata un’organizzazione criminale che è riuscita a frapporsi tra le banche online e i loro clienti svuotando centinaia di conti correnti grazie alle Pec falsificate Il mondo delle truffe online si arricchisce ogni giorno di nuovi reati. È notizia di qualche giorno fa quella dell’arresto di 5 persone, da parte del comando provinciale di Messina, facenti parte di una banda criminale che è riuscita a sottrarre cifre considerevoli dai centinaia di conti online in tutta Italia. Alcuni degli arrestati si erano già macchiati in passato di altre cybertruffe importanti. Nessuno aveva mai falsificato le Pec prima Lo stratagemma è completamente nuovo, nessuno era mai riuscito a falsificare le Pec (Posta elettronica certificata), finora considerate garanzia di sicurezza per operazioni bancarie e… Leggi di più

Nuova truffa PostePay: ecco come difendersi dal phishing

Nuova truffa PostePay: ecco come difendersi dal phishing

La nuova truffa PostePay utilizza il vecchio metodo del phishing che, nonostante i numerosi casi, rimane tuttora un una truffa che colpisce migliaia di utenti ogni anno. Invece della solita email, questa volta la truffa arriva con un messaggio sul telefonino (al momento è stato segnalato solo da clienti Tim, Wind, Tre e Vodafone) che può essere un caro vecchio SMS o un messaggio WhatsApp. Il mittente del messaggio appare come Poste Italiane, mentre il testo del messaggio è: “Gentile cliente, se non visualizzi correttamente il messaggio segui il link…” (omettiamo per ovvie ragioni di riportare qui la url). L’utente a questo punto clicca sul link e finisce in una pagina fake che riproduce nei minimi dettagli il sito delle… Leggi di più

Utilizziamo i cookie, inclusi cookie di terzi, per consentire il funzionamento del sito, per ragioni statistiche, per personalizzare la sua esperienza e offrirle la pubblicità che più incontra i suoi gusti ed infine analizzare la performance delle nostre campagne pubblicitarie.
Può accettare questi cookie cliccando su "Accetto", o cliccare qui per impostare le sue preferenze. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi